©2024 Sarabanda Associazione Culturale.

A Maglie Scoperte

> 18 Marzo – 15 Aprile 2024 /  H 21,00

JLG – Un portrait

Sette appuntamenti per celebrare il genio di Godard

Un omaggio al grande cineasta francese Jean-Luc Godard è al centro della nuova rassegna che l’associazione Laboratorio Probabile Bellamy e il Gruppo Ligure Critici Cinematografici SNCCI hanno organizzato nell’arco di sette appuntamenti compresi tra il 18 marzo e il 18 aprile 2024, con il patrocinio dell’Alliance Française Genova e del Dipartimento di Lingue e culture Moderne dell’Università di Genova: quattro proiezioni in pellicola, che avranno luogo ogni lunedì alle ore 21 al Tiqu – Teatro Internazionale di Quartiere, un convegno inserito nella cornice delle Stanze del Cinema, che si svolgerà a partire dalle ore 16 presso la Società Ligure di Storia Patria di Palazzo Ducale, e due eventi paralleli ospitati dalla sede genovese dell’Alliance Française.

Critico cinematografico e regista, tra i fondatori della Nouvelle Vague, una carriera lunga quasi sessant’anni e costellata di titoli fondamentali della storia del cinema, Godard ha attraversato il Novecento e i primi due decenni degli anni Duemila con occhio lucido, spesso cinico, mettendo sempre al centro della sua ricerca l’immagine e il rapporto con il linguaggio.

Per quanto riguarda le visioni su grande schermo, l’occasione è ghiotta per apprezzare queste opere memorabili nel formato originale in cui furono girate e proposte al pubblico. Le proiezioni della rassegna, infatti, saranno rigorosamente su supporto 35mm e le copie provengono dalla Cineteca di Torino e dalla Cineteca di Bologna, realtà note a livello internazionale e che rappresentano un patrimonio culturale unico da salvaguardare. Ogni film sarà introdotto da un socio del Gruppo Ligure Critici Cinematografici SNCCI.

Si parte lunedì 18 marzo con Una donna sposata (1964), proseguendo lunedì 25 marzo con Il maschio e la femmina (1966), continuando lunedì 8 aprile con Prénom Carmen (1983) e chiudendo con Je vous salue, Marie (1985) lunedì 15 aprile, giorno in cui, nel pomeriggio, il Gruppo Ligure Critici Cinematografici SNCCI ospiterà un appuntamento speciale nell’ambito delle tradizionali Stanze del Cinema.

Contestualmente, la sede genovese dell’Alliance Française di Via Garibaldi sarà teatro di due cine-conversazioni attorno alla figura del regista d’oltralpe. La prima, fissata per mercoledì 10 aprile alle ore 15, partirà dalla visione di alcuni estratti di Vrai faux passeport (2006); la seconda chiuderà l’iniziativa e si terrà giovedì 18 aprile alle ore 17 con la presentazione del mediometraggio Film Catastrophe (2018), diretto da Paul Grivas, stretto collaboratore di Godard.

L’ingresso alle proiezioni al TIQU Teatro avviene con tessera dell’associazione.
La prenotazione è gradita e consigliata via email su info@laboratoriobellamy.it

IL PROGRAMMA:

18 marzo h 21, Tiqu
Una donna sposata, 1964, 95’
Charlotte, redattrice in una rivista di moda sposata con un uomo d’affari, si incontra spesso con un attore in una camera d’albergo. La donna è innamorata di entrambi, ma quando il suo amante le chiede di abbandonare il marito, rimasta incinta, prende tempo perché non sa di chi sia il figlio.

25 marzo h 21, Tiqu
Il maschio e la femmina, 1966, 110’
Sullo sfondo di una caotica Parigi pre-sessantottina divisa tra sogni consumistici, romanticismo e rassegnazione, Paul ha da poco finito il servizio militare ed è in cerca di lavoro. Conosce Madeleine, una archivista decisa a diventare cantante, e se ne innamora. I due, però, si scopriranno molto diversi l’uno dall’altra.

8 aprile h 21, Tiqu
Prénom Carmen, 1983, 85’
Carmen, una giovane terrorista, donna irrequieta e insofferente, conosce il poliziotto Joseph durante una rapina e i due si innamorano. Si rifugeranno in un appartamento in riva al mare di proprietà dello zio di lei dove vivranno una breve passione sulla scia dell’omonima opera di Bizet. Leone d’Oro a Venezia 1983.

15 aprile h 21, Tiqu
Je vous salue, Marie, 1985, 107’
Nella Francia contemporanea, una ragazza di nome Marie riceve la visita di uno strano individuo, Gabriel, che le annuncia una gravidanza miracolosa. Seguirà un lungo percorso interiore, segnato da incredulità, dubbi di fede e il peso delle aspettative sociali.