©2024 Sarabanda Associazione Culturale.

DIECI

Elena Dragonetti

> Venerdì 8 marzo – Ore 20,30
#lottomarzo #8marzo #wledonne

DIECI

Un’attrice, dieci vite che disegnano una variegata Napoli

Dieci personaggi interpretati da una sola attrice. Dieci vite che disegnano quell’universo denso e variegato che è Napoli, non quanto area geografica circoscritta ma in quanto realtà universale che racchiude in sé pieghe nascoste dell’animo umano. Dieci come i comandamenti a cui ogni monologo è intitolato.

 

Tratto dal libro omonimo di Andrej Longo, Dieci porta in scena donne, uomini, bambini che vivono in una società dalle regole spietate, dove le istituzioni latitano e anche Dio sembra guardare altrove. Canti, rumori, silenzi, odori, voci che arrivano da vicoli scuri. Nel restituire a ogni racconto l’unicità delle anime che lo attraversano, Elena Dragonetti crea commistioni tra teatro, danza, narrazione e video, alternando un linguaggio scarno e asciutto, seppur carico di vissuti emotivi, alla pura sceneggiata napoletana.  Il sale come parte di un rito di purificazione con cui una ragazzina si libera da un abuso subìto, una croce, un piccolo altare sono elementi scenici che ricordano la presenza e il costante riferimento al sacro, un sentimento che a Napoli non scende dal cielo, ma scaturisce dal sottosuolo, con il ringhio della terra scossa e il fuoco viscerale del vulcano.

L’intero spettacolo è sotteso da quella speciale capacità umana che permette di sopravvivere alle condizioni più estreme, di accettare e normalizzare anche l’intollerabile. Una qualità che in napoletano si chiama “pacienza”, parola che mette insieme la voce “patire” con quella del darsi pace. Non è una rassegnazione, ma il più alto stato civile dell’esperienza, una santità di marinai in terra che sanno dormire nelle tempeste.

Dieci è uno spettacolo dentro al quale poter ritrovare una parte della propria fatica di vivere e forse, tra le righe, una possibile via di scampo. E nonostante tutto quello che viene fuori dai racconti è anche una dolcezza, una tenerezza e una poesia che sembra non possano far parte esseri umani così arrabbiati con la vita.

Produzione: Teatro Nazionale di Genova, Narramondo
Regia: Elena Dragonetti e Raffaella Tagliabue
Interprete: Elena Dragonetti
Movimenti di scena: Valeria Chiara Puppo
Scene: Lorenza Gioberti
Costumi: Francesca Marsella
Video: Laboratorio Probabile Bellamy

Biglietto: € 15,00 / € 12,00
Acquistabile on line su www.ciaotickets.com (Intero; Under 14; Over 65).
Il ridotto per possessori di Card Amici della Sarabanda, Soci Coop Liguria, dipendenti del Comune di Genova, Tessera Ordine degli Avvocati di Genova è acquistabile presso la biglietteria del teatro da un’ora prima dello spettacolo.